200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

A DRESDA UN BUON CHICCO PELLEGRINO VIENE FERMATO DAI GIUDICI

0

Photo Credit: Gabriele Facciotti / Pentaphoto

Alla vigilia le aspettative dell’atleta di punta della nazionale azzurra erano davvero alte dopo l’ottima prestazione dell’anno scorso in terra tedesca. E Pellegrino si era confermato in gran forma nelle qualificazioni, dove aveva stabilito il miglior tempo, precedendo di 47 centesimi l’inglese Andrew Young e di 1″27 il russo Gleb Retivykh. Insomma, sembrava che il campione valdostano non potesse avere rivali, considerando anche l’assenza di Johannes Klaebo.

Peccato, però, che sia intervenuta una sanzione disciplinare a fermare l’azzurro. Secondo la giuria, infatti, Pellegrino ha infilato il bastone tra gli sci del francese Baptiste Gros nel cercare il sorpasso sull’avversario e per questo motivo è stato punito con una retrocessione in sesta posizione. «C’è stata incertezza in giuria se dare soltanto un cartellino giallo o retrocederlo – ha spiegato il d.t. Marco Selle – , alla fine hanno votato a maggioranza per la seconda opzione e non c’è stato nulla da fare. Non ci saranno ricorsi. Si potrebbero fare a gara finita, ma non ci sembra il caso. Speriamo vada meglio per la team sprint di domenica».
Su questa decisione è arrivato anche il commento di Federico Pellegrino: «Una decisione discutibile, tuttavia aspetto la comunicazione scritta dei motivazioni da parte della Fis che hanno portato alla mia squalifica per fare una valutazione definitiva. Ma a prescindere da tutto, non cambierà l’esito della sprint odierna. Rimarrò concentrato per la team sprint, la mia condizione fisica è ottima e guardo avanti».

Fra gli altri azzurri al via, ha sfiorato la qualificazione il giovane Michael Helleweger, chiudendo 31°. Didi Noeckler si è classificato 36°, 41° e 42° Stefan Zelger ed Enrico Nizzi. La gara è stata vinta dal norvegese Sindre Skar, davanti al russo Gleb Retivykh e all’altro norvegese Erik Valnes.

Ferme ai quarti anche le azzurre nella sprint di Dresda con Lucia Scardoni è arrivata sesta nella primo gruppo, vinto dalla svedese Stina Nilsson, davanti alla compagna di squadra Jonna Sundling. Greta Laurent ha combattuto ma è arrivata terza con un tempo troppo lento nella frazione vinta dalla tedesca Sandra Ringwald e dalla svedese Ida Ingermarsdotter, che sono passate alle semifinali. La gara femminile è stata dominata dalla Svezia con tre atlete sul podio: Stina Nilsson ha infatti trionfato davanti alle altre due connazionali Maja Dahlqvist e Jonna Sundling.

Share.

About Author

Leave A Reply