200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

A MILANO LA PRESENTAZIONE DEGLI EVENTI FIEMMESI DEL PROSSIMO INVERNO

0

Caterina Ganz, Francesco De Fabiani, Cristian Zorzi, Alessandro Pittin e Samuel Costa

Dieci giorni e 12 gare di Coppa del Mondo tra Tour de Ski, Combinata Nordica e Salto Speciale della settimana successiva. La Val di Fiemme ha scelto la cornice del Ristorante Savini di Milano per presentare i propri prestigiosi eventi con vista Olimpiadi Milano Cortina 2026.

Le autorità presenti

La presentazione si è aperta con l’annuncio di una grande novità della prossima stagione. Infatti, il 4 gennaio andrà in scena la Tesero Lake. Una rievolcazione della sfida di Salt Lake City 2002 con Zorzi, Hetland, Schlickenrieder e Lind che si sfideranno a parecchi anni di distanza dalla prima finale sprint olimpica della storia del 19 febbraio 2002.

Nel corso della mattinata, la parola è passata dalle autorità agli atleti a partire da Mauro Dezulian, vicepresidente comitato organizzatore e responsabile dei volontari trentini. Dopo di lui l’assessore allo sport e turismo Roberto Failoni, Piero De Godenz, una delle figure di riferimento politiche per gli sport in terra trentina, Maurizio Rossini di Trentino marketing, Tiziano Mellarini di FISI Trentino e Filip Grabowski di Infront.

Parola agli atleti

Dopodiché parola agli atleti, pronti ad affrontare la stagione. Caterina Ganz ha ben figurato lo scorso anno, specialmente sulla Final Climb. Un messaggio video anche da Federico Pellegrino che spera di esserci. Chi invece era presente a Milano è Francesco De Fabiani: «Al Tour de Ski ho ottenuto due podi in due 15 km in tecnica classica, la preferisco e preferisco la Mass Start. La Val di Fiemme mi ha accontentato e per me è una buona notizia. Sull’ultima rampa perdo posizioni ma la partenza in linea mi aiuterà. Tanti punti a disposizione, sogno di arrivare tra i primi cinque di Coppa». Anche il direttore tecnico Marco Selle è sembrato essere d’accordo con i suoi ragazzi: «Gli atleti sanno che hanno un numero limitato di occasioni per primeggiare, li vedo determinati e senza particolari acciacchi. Sono pronti».

Dal fondo alla combinata con Alessandro Pittin, miglior fondista di Coppa nelle ultime due stagioni: «Sto tornando a divertirmi anche al Salto e questo mi fa ben sperare.  Conosco la macchina organizzativa della Val di Fiemme, e spero di farmi trovare pronto nel 2026. Sarebbe la sesta olimpiade, la seconda in Italia, qualcosa di straordinario». “Buone nuove” anche da Samuel Costa, finalmente al top della condizione: «Non ho più dolori al ginocchio, questo vuol dire tanto, grazie ai tempi che ho passato a casa ora sono grato di riuscire a muovermi e a tornare a fare sport. Per me l’obiettivo più importante è riuscire a saltare bene per partire davanti nel fondo. Il nostro scopo è regalare emozioni».

Share.

About Author

Leave A Reply