200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

DOMINIO NORVEGIA NELLO SKIATHLON MASCHILE. DE FABIANI CHIUDE 20/o.

0

A view of the Alpensia Cross Country Skiing Centre at Alpensia Olympic Park (KOR)

di Gianluca Zanardi

Una prima Olimpiade che non dimenticherà facilmente il norvegese Simen Hegstad Krueger, medaglia d’oro dello skiathlon maschile a soli 25 anni. Anche perché, la gara che l’ha visto vincitore non era partita nei migliori dei modi dopo la caduta che l’aveva staccato di 24 secondi da gruppo di testa. Salvo poi iniziare un’incredibile rimonta fino alla testa della gara e finire con 8 secondi di vantaggio sulla medaglia d’argento Martin Sundbry e quasi 10 secondi su Hans Christer Holund che completa il podio tutto norvegese. Si deve accontentate della sesta posizione lo svizzero Dario Cologna che ha guidato il gruppo per gran parte della gara. Mentre rimane ai margini della top 10 il dominatore della stagione Johannes Klaebo.

Nonostante tutte le difficolta già espresse alla vigilia, buona gara di Francesco De Fabiani che chiude al 20/o posto dopo una buona partenza e una netta flessione nella sessione di skating. Riesce a finire nei migliori 30 anche Giandomenico Salvadori che finisce 26/o a causa di un calo fisico nel finale che lo stacca dal gruppo dei migliori. Dietmar Noeckler e Sergio Rigoni chiudono rispettivamente in 37/a e 28/a posizione.

I commenti nel post gara dei nostri atleti.

Francesco De Fabiani: “Mi è successo qualcosa di strano nel classico, le condizioni della pista non erano facili, c’era molta neve trasportata dal vento, mi sembrava di essere più lento degli altri invece in pattinato sono andato meglio. Mi dispiace che stando bene così in pattinato, se fosse riuscito a rimanere a contatto con il primo gruppo mi sarei giocato una posizione nella top ten. Mi rimane un po’ di rammarico, la condizione non è male, abbiamo due settimane per migliorare, adesso vedremo come schierarci per la staffetta, dovremo valutare bene la situazione perché vogliamo ottenere un buon piazzamento. Abbiamo tutta la settimana per pensarci”.

Giandomenico Salvadori: “Sono molto soddisfatto della frazione in classica, dove sono rimasto a contatto con i migliori. Dopo il secondo giro in pattinato sono crollato per i crampi, pensavo di chiudere meglio ma ho perduto molte posizioni nel finale. La condizione c’è, abbiamo lavorato molto per essere al top qua, sono molto fiducioso per le prossime gare”.

Dietmar Noeckler: “Ho fatto tanta fatica in classico, non tenevo bene e mi sono venuti i crampi dopo due giri, andavo in spinta in salita ma non tenevo. Nel pattinaggio sono ripartito ma i crampi non sono passati, potrebbe anche essere stato il freddo, come condizione generale non mi sembrava di stare male, ma sono ancora una volta in ritardo. Non molliamo, andiamo avanti e guardiamo alle prossime gare”.

Sergio Rigoni: “Clima veramente freddo e vento fastidioso, adesso punterò ad un buon piazzamento nella 15 km skating, spero in un clima più favorevole e in una condizione migliore”.

Skiathlon maschile (15 km TC + 15 km TL)

1. Simen Hegstad Krueger NOR 1h16’20″0

2. Martin Sundby NOR +8″0

3. Hans Christer Holund NOR +9″9

4. Denis Spitsov OAR +12″7
5. Maurice Magnificat FRA +14″2
6. Dario Cologna SUI +25″1
7. Andrew Musgrave GBR +25″7
8. Alex Harvey CAN +33″4
9. Martin Jaks CZE +33″8
10. Johannes Klaebo +43″4

20. Francesco De Fabiani ITA +1’34″9
26. Giandomenico Salvadori ITA +2’16″9
37. Dietmar Noeckler ITA +3’35″5
48. Sergio Rigoni ITA +6’34″9

Photo Credit: Pentaphoto / FISI

Share.

About Author

Leave A Reply