200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

FESTA DI FINE STAGIONE PER L’AS CAMOSCI DI SAPPADA CON LISA VITTOZZI

0

Chiusura di stagione in riva al lago di Auronzo di Cadore per l’Associazione sportiva Camosci di Sappada. I componenti del sodalizio presieduto da Francesca Pupulin, che dai primissimi anni ’80 ha fatto crescere generazioni di fondisti e biathleti che si sono affermati a livello nazionale internazionale, si è ritrovato domenica scorsa, 13 maggio, per festeggiare l’ennesima annata ricca di soddisfazioni.

Tantissime le medaglie arrivate dai ragazzi e dalle ragazze che vestono la tuta Camosci o che la hanno vestita in un recentissimo passato: ecco l’argento mondiale alla rassegna iridata Juniores di Eleonora Fauner (staffetta mista), ecco le tante medaglie conquistate ai campionati nazionali di sci di fondo o biathlon da parte di Davide Graz, Sara Cesco Fabbro, Mattia Piller Hoffer, Samuele Puntel, Daniele Fauner e Lorenzo Solero. Complessivamente le medaglie tricolori della passata stagione sono state 20: 9 ori, 6 argenti, 5 bronzi.

Ecco, ancora, il bronzo splendente di Lisa Vittozzi, sul terzo gradino del podio nella staffetta mista alle Olimpiadi di Pyeongchang lo scorso inverno. Alla festa di Auronzo, infatti, c’era anche la “plodar sniper”, ormai una certezza del biathlon internazionale dopo la stagione 2017-2018 che la ha vista protagonista non solo ai Giochi di Corea ma anche in Coppa del Mondo, circuito nel quale è salita ripetutamente sul podio, sia a livello individuale sia in staffetta, e che ha concluso in sesta posizione nella graduatoria generale.

La festa sociale ha visto, come tradizione, anche la consegna del titolo e del trofeo di “atleta dell’anno”. Ad aggiudicarsi il premio è stata Sara Cesco Fabbro, capace di conquistare ottimi risultati lungo tutto l’arco della stagione e convocata ai Mondiali Juniores di biathlon.

«Quella della festa sociale di fine annata è una tradizione piacevole che consente di cementare lo spirito di gruppo» commenta la presidente dei Camosci, Francesca Pupulin. «Si tratta di un’occasione per celebrare i successi ma, soprattutto, per festeggiate insieme a tutti i ragazzi, ragazzi che si impegnano costantemente e che amano il loro sport, indipendentemente dal risultato».

«È davvero bello ritrovarsi con i Camosci ed è davvero bello che una società valorizzi i risultati e l’impegno dei suoi ragazzi» aggiunge Lisa Vittozzi. «A tutti i ragazzi che fanno fondo e biathlon nella società che mi ha visto crescere, dico di continuare a impegnarsi come hanno fatto, di continuare a coltivare i propri sogni, di non demoralizzarsi quando se ci sono dei momenti nei quali le cose non vanno come si desidera ma anzi di metterci ancora più impegno e concentrazione».

Da sottolineare come la giornata di Auronzo abbia avuto anche un momento agonistico: la “gara sociale” quest’anno è consistita in una sfida a colpi di pagaia sulle acque del lago a cavallo del dragon boat dell’associazione Canoa Kayak Auronzo Misurina, una sfida che ha fatto divertire grandi e piccoli.

Share.

About Author

Leave A Reply