HugeDomains.com
Captcha security check

geturnet.com is for sale

Please prove you're not a robot

View Price
HugeDomains.com
Captcha security check

geturnet.com is for sale

Please prove you're not a robot

View Price
Dedicated to customer care
30-day money back guarantee

Talk to a domain expert: +1-303-893-0552

FURGER BEFFA COLOGNA ALL’ENGADIN SKIMARATHON 2022.

0

Roman Furger vince per la quarta volta la Engadin Skimarathon davanti alla leggenda Dario Cologna.

È stata una gara emozionante con un tempo perfetto la Engadin Skimarathon di oggi, 13 Marzo 2022, anche se senza i tempi record previsti. È stata l’ultima gara internazionale di Dario Cologna da atleta professionista, che ha fatto crescere le aspettative in vista della gara: non solo il pubblico e i media avevano puntato sulla sua vittoria ma anche lui ha chiarito fin dall’inizio che chi voleva vincere doveva superarlo. Presto si rese conto che Roman Furger sarebbe stato uno dei suoi contendenti più seri. – Roman non smette mai di sorprendere, e quando ho notato quanto fosse pieno di energia nello Stazerwald, colmando incessantemente i varchi, ho capito che dovevo stare attento. – Lo Stazerwald si è rivelato decisivo per il futuro vincitore Roman Furger: – In questo tratto, siamo riusciti a scrollarci di dosso i forti velocisti, il che avrebbe reso la vita un po’ più facile al traguardo –, ha detto ai media. E aggiunge: – E’ stata una gara bella, leale e pacifica –.

Non partecipava a una gara dai Giochi Olimpici; inoltre, un raffreddore aveva ostacolato la sua preparazione per la granfondo. Il terzo posto di Tom Mancini non è stato una sorpresa. Molti avevano valutato il francese come una speranza di podio; ha avuto un ruolo attivo per tutta la gara, non risparmiandosi e riuscendo a rimanere nel gruppo di testa fino alla fine. Nello scatto finale, però, è stato Roman Furger ad avere le energie necessarie per trionfare, tagliando il traguardo davanti a Dario Cologna e Tom Mancini. I libri di storia non registreranno i nuovi tempi record che erano stati previsti; ciò avrebbe richiesto più aiuto dai venti in coda, che si sono rivelati più leggeri del previsto.

La vincitrice della categoria femminile è stata una sorpresa: – È stata la mia prima corsa di 42 chilometri in assoluto –, ha detto Nadja Kälin. Inoltre, aveva contratto il Covid-19 dopo i Giochi Olimpici ed è stata costretta a ridurre l’intensità dell’allenamento. – È stata dura andare sia allo Stazerwald che a Bever, ma sono comunque riuscito a mantenere la mia posizione nel gruppo di testa. – 

La giovane atleta locale si è imposta nello scatto finale e si è classificata prima davanti a Céline Chopard ed Enora Latuillière dalla Francia. Alla cerimonia di premiazione, il direttore di gara Adriano Iseppi ha rivolto un sentito saluto a Dario Cologna, ringraziando l’atleta della Val Müstair a nome di tutti gli appassionati svizzeri dello sci di fondo: – Mi mancano le parole per descrivere il vostro contributo allo sport del fondo sci di fondo in Svizzera. –

Dario Cologna, sopraffatto dalle calde parole di lode, aveva le lacrime agli occhi. Non escluderebbe di riprendere a prendere parte alla Engadin Skimarathon nei prossimi anni, ma sarebbe sbagliato sperare in una quinta vittoria, ha concluso al termine della piccola cerimonia in suo onore. – Il tratto finale sembra allungarsi ogni anno –, ha concluso con un sorriso. 

– Sono felicissimo per l’esito dell’evento –, ha espresso Menduri Kasper, amministratore delegato dell’organizzatore. – Il nuovo format di partenza a ondate ha funzionato molto bene e, come speravamo, è riuscito ad allentare le tensioni in campo. Avere i partecipanti che iniziano in gruppi più piccoli li vede in competizione diretta all’interno di gruppi di forza comparabile, riducendo il trambusto tra i corridori. Anche le modifiche al percorso tra Pontresina e Samedan si sono rivelate una buona scelta. –

Share.

About Author