200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

GIORNATA STORICA PER LO SCI DI FONDO: FEDERICO PELLEGRINO È D’ARGENTO

0

di Gianluca Zanardi

Diciamo la verità, fino alle 13.30 di oggi le Olimpiadi di PyeongChang ci avevano regalato qualche buon piazzamento, una sola gioia immensa e parecchio rammarico. Poi, in mezz’ora, ecco che il medagliere azzurro si tinge di due colori stupendi: l’oro di Arianna Fontana e soprattutto, per noi appassionati di sci fondo, l’argento di un fantastico Federico Pellegrino.

Vero è che siamo solo l’inizio, ma ora si guarda avanti con una prospettiva del tutto nuova.

Federico Pellegrino Photo: Pentaphoto / Giovanni Auletta

Federico Pellegrino
Photo: Pentaphoto / Giovanni Auletta

Oggi doveva essere, ed è stata, la giornata dello sprint a tecnica classica sia maschile che femminile con un programma iniziato stamattina presto (secondo il fuso italiano) e proseguito per molte ore con qualificazioni, quarti di finale, semifinali e finali. Con le gare, anche gli atleti sono andati via via eliminandosi, facendo scemare poco a poco le speranze delle varie nazioni di portare a casa qualcosa di positivo dal programma di fondo.

In campo femminile si qualificano per i quarti di finale solo due azzurre, Gaia Vuerich con il 18/o tempo e Lucia Scardoni (28/a). Mentre non passa per poco il primo taglio Greta Laurent che finisce anzitempo 32/a. Tra gli uomini invece il migliore è Maicol Rastelli che vola ai quarti con buonissimo quarto tempo (3:11.32) e Federico Pellegrino nono. Niente da fare invece per Mirco Bertolina e Stefan Zelger rispettivamente 41/o e 42/o.

Al turno successivo le ragazze confermano le loro difficoltà e vengono eliminate entrambe con il quinto tempo nelle rispettive batterie. In finale poi, a spuntarla sarà la svedese Stina Nilsson, davanti alla norvegese Maiken Caspersen Falla ed a Yulia Belorukova. Le nostre azzurre sono giovani e determinate e le aspettiamo nei prossimi giorni con la giusta voglia di riscatto.

In campo maschile anche Maicol Rastelli deve accontentarsi dei quarti di finale dove ha la sfortuna di trovarsi nella batteria guidata da quel treno che porta il nome di Johannes Klaebo. Quarti di finale superati agilmente invece da Federico Pellegrino che però deve accodarsi al giovane norvegese in semifinale, riuscendo comunque a centrare la gara decisiva.

In finale Johannes Klaebo è praticamente perfetto, un po’ come in tutta la sua stagione fino a questo momento. Lascia sfogare per i primi metri Alexander Bolshunov, per poi passarlo e staccarsi dal gruppo alla conquista dell’oro olimpico. Ma la vera sfida è dietro di lui, per il secondo posto, con Federico Pellegrino che prima allunga sul gruppetto di coda mettendosi al sicuro in zona medaglia e poi si mette all’inseguimento del russo che corre sotto bandiera neutrale, rosicchiandogli metro dopo metro il vantaggio accumulato fino a passarlo in uno sprint dall’alto tasso agonistico.

Arrivo Sprint TC Photo: Pentaphoto / Giovanni Auletta

Arrivo Sprint TC
Photo: Pentaphoto / Giovanni Auletta

Alla fine è argento, una medaglia bella, sudata, combattuta e soprattutto voluta con ogni lembo del proprio corpo che dimostra perché tutti temono Federico Pellegrino quando è in pista.  

 Ordine di arrivo sprint TC maschile PyeongChang 2018 (Kor):

1. KLAEBO Johannes Hoesflot NOR
2. PELLEGRINO Federico ITA 
3. BOLSHUNOV Alexander RUS
4. GOLBERG Paal NOR
5. SVENSSON Oskar SWE
6. HAKOLA Ristomatti FIN
7. VALJAS Len CAN
8. IVERSEN Emil NOR
9. PETERSON Teodor SWE
10.JYLHAE Martti FIN

26. 4 3290383 RASTELLI Maicol ITA
41. 41 3290357 BERTOLINA Mirco ITA
42. 42 3290446 ZELGER Stefan ITA

Ordine di arrivo sprint femminile PyeongChang 2018 (Kor):

1.  NILSSON Stina SWE
2.  FALLA Maiken Caspersen NOR
3.  BELORUKOVA Yulia RUS
4.  NEPRYAEVA Natalia RUS
5.  FALK Hanna SWE
6.  DIGGINS Jessica USA
7.  LAMPIC Anamarija SLO
8.  CALDWELL Sophie USA
9.  PARMAKOSKI Krista FIN
10. VAN DER GRAAFF Laurien SUI

21. 18 3295167 VUERICH Gaia 1991 ITA
24. 28 3295157 SCARDONI Lucia 1991 ITA
32. 32 3295193 LAURENT Greta 1992 ITA

Photo credit: Pentaphoto /FISI

Share.

About Author

Leave A Reply