200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

I CRAMPI: COSA SONO E COME PREVENIRLI

0

Photo Credit: Pentaphoto/Giovanni Auletta

I crampi muscolari associati all’esercizio fisico sono un fenomeno molto frequente, specialmente nelle competizioni agonistiche. Il crampo viene definito come una forma di spasmo o di contrattura muscolare spontanea e involontaria, che si accompagna a dolore molto intenso e che costringe l’atleta a interrompere l’attività fisica. Essi colpiscono prevalentemente i muscoli biarticolari (polpaccio e quadricipite della coscia), in seguito a un’attività muscolare protratta nel tempo.

È stato Martin Schwellnus uno dei primi ricercatori a suggerire che i crampi potrebbero avere un’origine nervosa innescata da un’attività anormale e prolungata del riflesso spinale, secondaria all’affaticamento muscolare. Quasi tutte le attuali teorie affermano che la causa diretta dei crampi sia la fatica muscolare, non conseguenza di un singolo meccanismo, ma somma di vari fattori, quali le caratteristiche dell’individuo, il tipo di allenamento, la sua intensità, la temperatura esterna, ecc. Inoltre, una ricerca pubblicata nel 2013, ha identificato una variante nel codice genetico per un tipo specifico di tessuto connettivo nei tendini che si associa con episodi precedenti di crampi durante l’esercizio fisico.

Negli ultimi anni, numerosi ricercatori hanno identificato una predisposizione genetica a determinate lesioni dei tessuti molli come tendini e legamenti che potrebbe indicare che una variazione genetica può predisporre alcuni individui a sperimentare crampi più di altri.

Per porre rimedio a queste forti contrazioni muscolari è importante:

  • Interrompere qualsiasi attività che ha innescato il crampo;
  • Allungare il muscolo colpito dal crampo, mantenendo l’allungamento fino a quando quest’ultimo passa e massaggiando il muscolo delicatamente;
  • Se il muscolo è teso e contratto, applicare calore. Se il muscolo è rilassato e dolente, applicare del ghiaccio.

Invece, per prevenire l’insorgere dei crampi, è utile fare sempre un bel riscaldamento, accompagnato da esercizi di stretching per allungare i muscoli e ridurre o posticipare l’insorgere della fatica tramite l’utilizzo di integratori energetici specifici, come quelli proposti da Matt

 

Share.

About Author

Leave A Reply