200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

IL NOLEGGIO IN ITALIA, IL LAVORO DI PROWINTER LAB PER ANALIZZARNE LO SVILUPPO 

0

In occasione di Prowinter 2018, Alfredo Tradati, insieme a tutta l’equipe di Prowinter Lab, ha condotto il primo Ski Rental Summit: focus centrale del confronto è stato il tema del noleggio. Alla luce del fatto che, oggi, oltre il 50% degli sciatori su territorio italiano usufruisce di questo servizio è di facile comprensione come l’argomento sia particolarmente delicato e di come incida, in modo significativo, sugli equilibri della montagna.

La diciottesima edizione di Prowinter, la fiera “trade” degli sport di montagna, è stata l’occasione per riportare al centro dell’attenzione l’originale vocazione della fiera altoatesina: il noleggio. Il tema “rental” mai come nelle ultime stagioni, ha spostato gli equilibri del mondo montagna e analizzarne la curva di sviluppo è importante per tutti i soggetti che operano in questo scenario.

Proprio per questo motivo a Prowinter 2018 si è tenuto il primo Ski Rental Summit, l’incontro nazionale sulla tematica del noleggio. Un summit che, per volontà di Fiera Bolzano, non ha voluto solo snocciolare numeri ma anche fornire spunti che hanno aperto un dibattito allargato tra tutti i partecipanti all’incontro.

Dalla ricerca condotta da Prowinter Lab, è emerso che in Italia sono attive 851 strutture di noleggio così organizzate: il 43% ha una esclusiva attività rental, il 42% affianca al noleggio la vendita di attrezzatura e il restante 15% è composto dal noleggio organizzato da scuole sci o altri operatori vari. Il mercato che viene mosso dalla passione per gli sci coinvolge 7.500.000 sciatori, di cui 4,9 milioni di italiani e 2,9 milioni provenienti dall’estero (dati fonte internazionale) per un volume di attrezzatura pari a 177.000 paia di sci venduti ogni anno (dati FESI Federation of the European Sporting Good Industry) di cui l’11% (20.000 paia) è specificatamente progettato e costruito per il noleggio.

Ma chi è il cliente tipo di un noleggio? Si stima che oltre il 50% degli appassionati sciatori che affollano le montagne italiane usufruisca di un servizio a noleggio. Confrontando i valori FESI con i dati della ricerca condotta da Prowinter Lab (secondo il team di Fiera Bolzano sono oltre 100.000 le paia di sci venduti ai noleggi, pari al 56% del totale circolante in Italia) si può riscontrare come la clientela del noleggio, durante il proprio soggiorno, richieda un attrezzo di un livello qualitativo elevato in modo tale da poter vivere al meglio la propria passione per lo sci.

Il motivo di questa ricerca della qualità si potrebbe spiegare grazie alle riflessioni portate all’attenzione dei partecipanti al summit da parte di Andrea Macchiavelli, professore dell’Università degli Studi di Bergamo: «Non si vuole più possedere un bene materiale, ma tramite il suo utilizzo diventare protagonista della propria storia – ha commentato il professore universitario – e, attraverso il mondo dei social, mostrare a tutti la propria esperienza». Ecco perché anche nel noleggio, l’aspettativa di qualità è molto alta.

A curare, e a regolare, la “tavola rotonda” che è nata da questi numeri, è stato Alfredo Tradati responsabile del programma Prowinter Lab, l’osservatorio nazionale sul noleggio in Italia.

«Prowinter Lab è un’esperienza partita lo scorso anno con il “censimento” dei noleggi e, dopo una minuziosa ricerca portata avanti in questi mesi, oggi possiamo presentare una panoramica generale dettagliata della realtà del noleggio in Italia – commenta Alfredo Tradati – e con il nostro lavoro abbiamo voluto dare un senso qualitativo all’opera iniziata nel 2017: abbiamo raggiunto direttamente oltre la metà dei titolari di noleggio chiedendo loro una serie di informazioni riguardanti la loro impresa».

Il lavoro di ricerca dell’equipe di Prowinter Lab si è svolto su quattro elementi portanti: numero degli addetti nel noleggio, tipologie del prodotto noleggiato, turnover periodico del parco sci e formazione del personale.

In media, tra alta e bassa stagione, negli 851 noleggi sparsi sul territorio nazionale operano 1500 addetti (1,74 addetti/noleggio). Del totale dei noleggi censiti il 75% dichiara di adottare un percorso di formazione che va dalla preparazione dell’attrezzatura fino all’utilizzo finale da parte dell’utente, questi corsi sono organizzati da enti esterni (regione, provincia…) oppure svolti internamente alla struttura. Il 25% dei noleggiatori non ha saputo dare indicazioni precise in merito alla formazione del proprio personale «e questo è un dato che a nostro avviso deve farci riflettere, perché le competenze tecniche degli addetti nei punti noleggio sono un aspetto delicato su cui il comparto dovrebbe intervenire» commenta Geraldine Coccagna, responsabile di Prowinter.

Materia di studio è, quindi, tutta l’attrezzatura di cui il noleggio dispone: la totalità delle strutture intervistate dispone di sci da discesa, l’82% offre il noleggio anche di snowboard e il 77% consente l’affitto delle protezioni come il casco: «Il fatto che quasi un quarto dei noleggi non offra il servizio di noleggio del casco ci ha colpito molto, perché il tema della sicurezza in pista dovrebbe essere prioritario» sottolinea la exhibition manager di Fiera Bolzano.

Inoltre, il 45% affitta sci freeride, il 26% sci di fondo e tra le discipline in forte crescita spicca il 21% di sci d’alpinismo. Solo il 14% delle strutture contattate dal team di Prowinter Lab ha un’attività continuativa durante tutto l’anno noleggiando mountain bike e biciclette nel periodo estivo: «E anche questo indice dovremo monitorare nel prossimo futuro per analizzare le aree in cui esiste un cross-over tra lo sci e il ciclismo» conclude Geraldine Coccagna.

Incrociando i dati forniti dai titolari si stima che l’intero parco sci presente nei noleggi italiani sia di 376.000 paia, con una media di 442 paia di sci per ogni noleggio. Tuttavia, il dato più sensibile riguarda la turnazione e il rinnovo della dotazione nei noleggi: la ricerca condotta da Prowinter Lab ha individuato in 3,7 anni il ritmo di ricambio medio del 100% degli sci mentre, annualmente, si stima che ogni noleggio ricambi il 27% della propria attrezzatura con materiale nuovo.

Il tema del noleggio sci, quindi, è risultato di fondamentale importanza per il futuro della disciplina, e la sua struttura è piuttosto articolata con numerosi player: noleggiatori e aziende produttrici in primis, ma anche operatori del settore turistico quali albergatori e impiantisti sono in egual modo coinvolti. «Una buona o cattiva esperienza di noleggio può incidere in maniera positiva o negativa sulla percezione dell’intero soggiorno in una precisa località con effetti economici variabili» conclude Tradati. E per questo motivo il lavoro di Prowinter Lab non si esaurisce qui e in occasione di Prowinter 2019 l’analisi continuerà estendendosi per proseguire sul percorso di incontro e confronto.

Ulteriori informazioni: www.prowinter.it 

 

Share.

About Author

Leave A Reply