200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

IL NUOVO TRAMPOLINO K60 DI PREDAZZO

0

La Val di Fiemme  si prepara al taglio del nastro del nuovo trampolino K60 che avverrà martedì 13 agosto. L’ultimo gioiello dello stadio del salto “Giuseppe Dal Ben” sarà protagonista nel 2026 per Milano-Cortina. Già oggi, però, è una struttura completa per la pratica di questo affascinante e spettacolare sport, sia invernale che estivo.

Attivo fino al 2000, il K60 ha visto passare davanti a sé due edizioni dei Mondiali di sci nordico della Val di Fiemme (2003 e 2013) prima di subire fondamentali e meritati lavori di adeguamento tecnico. Interventi che oggi lo rendono uno strumento strategico sia per la crescita dei nostri giovani saltatori che nell’ottica di un’offerta internazionale davvero completa per gli stage di preparazione di altri Sci Club e squadre nazionali. Il K60 è infatti l’anello di congiunzione ideale che permette agli atleti il giusto e graduale avvicinamento ai trampolini più grandi come il K90 o il K120.

L’inaugurazione

Grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale di Predazzo e a tutta la sua comunità, nella primavera dello scorso anno sono così partiti i lavori finanziati dalla Provincia Autonoma di Trento, dalla Comunità Territoriale della Val di Fiemme e dal Comune di Predazzo. Per festeggiare l’ultimo arrivato fra i trampolini fiemmesi, l’Unione Sportiva Dolomitica e il Comune di Predazzo hanno organizzato per martedì 13 agosto alle 17.30 una cerimonia di inaugurazione. L’evento aprirà il pomeriggio dedicato a Fai Un Salto Per Matteo, iniziativa all’insegna dello sport e della solidarietà volta a supportare il difficile percorso di recupero di Matteo Antico, ex saltatore con gli sci predazzano vittima il 25 luglio di un anno fa, di un grave incidente con il parapendio.

Visite guidate

In occasione di questa iniziativa ci sarà anche la possibilità esclusiva di visitare lo stadio del salto con le visite guidate che porteranno le persone interessate ad entrare negli spazi e locali solitamente destinati agli addetti ai lavori. Si potranno visitare la zona di partenza, la tribuna allenatori, la tribuna giudici, la zona atleti e toccare con mano l’attrezzatura degli “angeli con gli sci ai piedi”. Le visite guidate avranno inizio a partire dalle ore 15.30 e possono essere prenotate al numero 334 1124196. Costo della visita Euro 12,00 per gli adulti, Euro 8,00 per i ragazzi dai 10 ai 18 anni. L’incasso delle visite guidate sarà destinato ad aiutare e supportare la riabilitazione di Matteo.

 

Share.

About Author

Leave A Reply