200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

ITAL-BIATHLON DA URLO IN COPPA DEL MONDO

0

di Gianluca Zanardi

Aveva aperto Lisa Vittozzi sabato con il terzo posto nella sprint, chiude sempre Lisa Vittozzi con la seconda piazza nella mass start femminile da 12,5 km. L’impressione è quella di essere davanti ad un’atleta speciale. Anche perché, corona il suo weekend perfetto con il primo posto nella staffetta mista.

Sulla pista finlandese di Kontiolahti la squadra azzurra centra la vittoria in Coppa del mondo della staffetta mista di biathlon e ritorna sul podio dopo il bronzo strappato ai Giochi Olimpici di PyeongChang. Un po’ come succede in altri sport, squadra che vince  non cambia, e allora avanti con i quattro atleti che, ad oggi, rappresentano il top del top nel panorama del biathlon italiano: Dorothea Wierer, Lisa Vittozzi, Dominik Windisch e Lukas Hofer che chiudono davanti ad Ucraina (2°) e Norvegia (3°). Ad onor del vero, le azzurre prima e gli azzurri poi sono stati un po’ troppo fallosi al poligono commettendo in totale 14 errori, ma si sono rifatti alla grande sugli sci grazie a delle frazioni molto veloci. I quattro avevano già sfiorato la vittoria il 26 novembre nella tappa svedese di Oestersund. Secondi prima, terzi alle Olimpiadi poi, mancava solo la soddisfazione di guardare tutti dal gradino più alto del podio e alla fine è arrivata anche quella. Questa vittoria consegna agli azzurri la coppa per nazioni che corona l’ottima stagione del Team Italia di biathlon, una squadra capace di far innamorare di questa disciplina sempre più persone.

Una menzione speciale però la merita eccome Lisa Vittozzi che, dopo aver portato a casa delle grandissimi Olimpiadi, si concede un weekend da protagonista anche a Kontiolahti. Infatti, l’azzurra non si è accontentata dei due podi nella sprint e nella staffetta mista, ma è andata vicina alla vittoria nella mass start che ha chiuso la tappa finlandese. L’unica differenza tra lei e la tedesca Vanessa Hinz è stato un errore sull’ultimo poligono che hanno negato a Lisa la soddisfazione della vittoria. Comunque fanno 3 podi in altrettante gare.

A fine gara Lisa Vittozzi ha detto: «Manca un solo passettino per arrivare sul gradino più alto del podio, anche oggi ho cercato di fare bene soprattutto al poligono, è vero che bisogna andare forte anche sugli sci ma gli errori con la carabina li paghi tanto. Ho controllato la situazione, il poligono non era facile perché c’era un po’ di vento, è andata bene. faccio i complimenti agli skimen che hanno preparato sci velocissimi, ho cercato solamente di fare il mio. Sapevo nel finale che Chevalier era più stanca di me nel finale, potevo fare la differenza sul rettilineo conclusivo piuttosto che sulla salita, già l’anno scorso mi era successo lo stesso con Domracheva. È una pista che è molto sciabile, proprio come piace a me, evidentemente mi porta fortuna e credo rispecchi pienamente le mie capacità»

Photo credit: FISI

Share.

About Author

Leave A Reply