200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

IL LATO OSCURO DELLO SPORT

0

Il lato oscuro dello sport

cimg1162Magra non significa necessariamente performante. E non significa nemmeno felice. Eppure la tendenza a ricercare tale condizione fisica è drammaticamente diffusa in moltissimi sport, in particolare nella popolazione femminile. Rinunce, diete restrittive, introito calorico inferiore al necessario possono avere conseguenze gravissime, tra cui disturbi del comportamento alimentare.

Lo sci di fondo non ne è esente. Un recente studio, condotto su junior norvegesi dello sci di fondo e del biathlon, ha evidenziato che un’atleta su cinque è affetta da disturbi alimentari. La percentuale è ancora più alta nei contesti in cui la pressione legata all’eccellenza nella prestazione sia maggiore, come ad esempio lo sport d’élite. Le motivazioni sono molteplici e vanno investigate a livello psicologico, culturale e sociale. Complice la diffusa e comunemente accettata associazione della magrezza alla performance negli sport di resistenza, i disturbi alimentari sono strettamente connessi con la questione dell’immagine del corpo. Le ragazze tendono ad assomigliare all’immagine di corpo relativa allo sport praticato, poiché credono connessa a migliori risultati. Ma non solo: entrano in gioco anche le problematiche legate all’immagine del corpo imposta dalle norme sociali. Insomma, cercare la magrezza non solo per essere più forti, ma anche per apparire più belle dentro la tutina da sci. A questa rincorsa ad un corpo ideale, si associa la tendenza al perfezionismo, al controllo e alla morbosa soddisfazione delle proprie e altrui aspettative.

È la storia, parallela alla splendente carriera, della fondista norvegese Vibeke Skofterud, la quale si rivela attraverso il suo blog nel 2015. Anni di eccessi alimentari e incredibili variazioni di peso, disturbi alimentari e mancata accettazione di sé. Un evento, quello della scandinava, che rompe il silenzio nel nostro sport: perché se da un lato molti allenatori, senza competenze mediche, mettono pressione a livello nutrizionale sulle atlete, c’è invece una grande disinformazione sui disturbi alimentari, oltre che la tendenza a sottovalutare il problema.

I disordini alimentari sono una questione determinata da fattori multipli e complessi. Prevenire il problema, indi- viduarlo e risolverlo non è facile. Ma iniziare a parlarne può essere un primo passo.

 

Virginia De Martin Topranin

Share.

About Author

Leave A Reply