200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

L’ITALIA SBLOCCA IL SUO MEDAGLIERE GRAZIE AL BRONZO DI DOMINIK WINDISCH

0

Podio Olimpiadi 10 Km Sprint, Bronzo Windisch

di Gianluca Zanardi

Un fantastico Dominik Windisch regala all’Italia la prima medaglia ai Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang 2018. Un terzo posto dopo una prestazione al limite della perfezione in una gara, la 10 km Sprint, che ha visto faticare tantissimo anche i favoriti della vigilia come Martin Fourcade e il norvegese Johannes Boe.

Per Dominik Windisch si tratta del secondo bronzo olimpico dopo quello conquistato a Sochi nella staffetta mista. Grandissima la sua soddisfazione all’arrivo, e non poteva essere altrimenti: “Non ci credo ancora, è assurdo! Quando ho sbagliato l’ultimo tiro ho avuto paura di non riuscire ad arrivare sul podio, ma quando c’è in palio una medaglia bisogna dare tutto e così ho fatto. C’era vento e poteva succedere di tutto, per questo anche i più forti hanno sbagliato. Inseguimento? Ora mi godo questo sogno, non ho neanche più freddo. Ho lavorato molto per raggiungere questo obiettivo. Prendo come esempio Dorothea Wierer perché è una superstar che dà visibilità al nostro sport eppure riesce a gestire la situazione intorno a lei. Inoltre è un buono spoOlimpiadi Dominik Windisch. Photo: Pentaphotot anche per i giovani che possono ispirarsi e avvicinarsi al biathlon grazie a lei. Io invece dopo la medaglia di Sochi mi sono dovuto abituare ai nuovi riflettori, che fanno comunque molto piacere e aiutano a crescere. Ho pensato di fondere la medaglia per fare un anello per la mia fidanzata Julia, ma meglio che sia d’oro. Io mi sento italiano, quando all’estero mi chiedono da dove vengo rispondo “Italia”, non Alto Adige: faccio parte dell’esercito italiano e sono altoatesino. È veramente bello festeggiare le medaglie con i miei allenatori, sono sicuro che si sentono parte di questo risultato. Spero di continuare così, siamo su un ottimo livello e la squadra sta andando molto bene”.

Alla fine a spuntarla è il tedesco Arnd Peiffer davanti al ceco Michal Krcmar. Molto buono anche il piazzamento di Lukas Hofer nonostante qualche errore di troppo al poligono. Hofer alla fine è decimo: “Peccato, ho fatto un errore all’ultimo poligono che non doveva esserci. Complimenti a Windisch. Ora penso all’inseguimento”. Molto più staccati invece gli altri due rappresentati del team azzurro con Giuseppe Montello 50/o e Thomas Bormolini 51/o.

Biathlon 10 km sprint maschile:

1. Arnd PEIFFER GER 23:38.8

2. Michal KRCMAR CZE 23:43.2 +4.4

3. Dominik WINDISCH ITA 23:46.5 +7.7 

4. Julian EBERHARD AUT 23:47.2 +8.4
5. Erlend BJOENTEGAARD NOR 23:56.2 +17.4
6. Benedikt DOLL GER 23:56.4 +17.6
7. Simon SCHEMPP GER 24:00.2 +21.4
8. Martin FOURCADE FRA 24:00.9 +22.5
9. Serafin WIESTNER SUI 24:02.3 +23.5
10. Lukas HOFER ITA 24:09.8 +31.0

50. Giuseppe MONTELLO ITA 25:35.3 +1:56.5 
51. Thomas BORMOLINI ITA25:39.3 +2:00.5

Photo Credit: Pentaphoto / FISI

Share.

About Author

Leave A Reply