200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

LO SPORT FEMMINILE: IL GENERE FA LA DIFFERENZA?

0

Straordinario successo di pubblico per la nona edizione del convegno nazionale di formazione “Giovani, Sport e Montagna” organizzato sabato 5 maggio a Predazzo (TN), presso la Scuola Alpina della Guardia di Finanza, dal Gruppo Sciatori Fiamme Gialle in collaborazione con il Centro Ricerca Sport Montagna e Salute di Rovereto e la Scuola dello Sport CONI di Trento. Alla manifestazione, dedicata quest’anno al tema “Lo sport femminile: il genere fa la differenza?” hanno partecipato oltre 350 persone fra tecnici, dirigenti sportivi, studenti e ricercatori universitari, insieme a numerosi atleti professionisti e semplici appassionati di sport, in particolare quelli invernali. Così come fatto per le edizioni precedenti, il convegno è stato condotto da un team di relatori e moderatori di altissimo livello, a partire dall’olimpionica del ciclismo su pista (Atlanta 1996 e Sydney 2000) Antonella Bellutti passando per Rossana Ciuffetti, Direttore Scientifico della Scuola dello Sport del CONI, Marco Mencarelli, tecnico delle squadre nazionali giovanili femminili della Federvolley, Valter Durigon, docente di Scienze Motorie presso l’Università di Verona, Silvia Migliaccio, docente di endocrinologia presso l’Università del Foro Italico di Roma, Francesca Vitali, docente di psicologia all’Università di Verona, Silvia Pogliaghi, docente di fisiologia sempre nel capoluogo Scaligero. È intervenuta anche Luisa Rizzitelli, Presidente di ASSIST – Associazione Nazionale Atlete, oltre ovviamente all’anima scientifica del convegno, il Prof. Federico Schena, Direttore del Centro Ricerca Sport Montagna e Salute CeRiSM di Rovereto e Presidente dei corsi di Laurea in Scienze Motorie presso l’Università di Verona.

Gen. Raffaele Romano.

Il seminario è stato aperto dal saluto di benvenuto del Generale di Brigata Raffaele Romano, Comandante del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, che nel rivolgersi alla platea ha sottolineato “l’orgoglio delle Fiamme Gialle nel prestare molta attenzione ad un tema ineludibile, quello della formazione dei tecnici. Il mondo ci impone – ha continuato il Generale Romano – di crescere e stare sempre al passo con i tempi e noi Fiamme Gialle teniamo moltissimo alla professionalità dei nostri tecnici”. Collegandosi poi al tema specifico di questo convegno, rilevando la necessità “di un maggiore equilibrio fra settore maschile e femminile” il Generale Romano ha evidenziato lo straordinario apporto delle donne nell’Albo d’oro delle Fiamme Gialle e dello sport italiano ricordando le imprese delle protagoniste dei recenti Giochi Olimpici Invernali di PyeongChang Arianna Fontana, Sofia Goggia, Martina Valcepina e Dorothea Wierer. “Siamo alla nona edizione del convegno – ha concluso Romano – la nostra intenzione è quella di passare in doppia cifra.

Ha preso quindi la parola il “padrone di casa”, il Comandante della Scuola Alpina della Guardia di Finanza, Colonnello Stefano Murari, che ha evidenziato con soddisfazione come la grande collaborazione fra Scuola Alpina e Gruppo Sciatori Fiamme Gialle trovi anche in questa occasione conferma di un’ottima sinergia ed unione d’intenti. Murari ha voluto presentare il nuovo corso allievi della Scuola Alpina dedicato, per la prima volta, esclusivamente alla formazione di nuovi tecnici per il Soccorso Alpino (S.A.G.F.).

Presente al convegno, il Presidente del CONI trentino, Paola Mora, ha espresso il suo apprezzamento per la tematica proposta in questo convegno ricordando, da unica donna presidente di un Comitato Provinciale del CONI, la necessità di una seria discussione sul tema donna e sport. “Le recenti Olimpiadi sono la testimonianza del grande apporto femminile nel mondo dello sport – ha detto Paola Mora – non nascondo che resta ancora molto da fare e auspico un percorso di collaborazione fra universi sportivi maschile e femminile”.

È intervenuto anche il Presidente della Federghiaccio Andrea Gios che, numeri alla mano, ha rilevato come 3 delle 4 medaglie targate FISG ai Giochi di PyeongChang 2018 siano “rosa” e che fra i 22 risultati da top 6 ottenuti in Corea ben 15 sono arrivati grazie alle donne. “Le nostre ragazze si fanno rispettare – ha detto il Presidente Gios citando Carolina Kostner, Arianna Fontana e Martina Valcepina – esse portano avanti un certo modo di fare sport, un fare sport con eleganza, passione, impegno e correttezza. È indispensabile, al di là delle disposizioni di legge, che le donne entrino anche nel settore dirigenziale dello sport”.

In rappresentanza della Federazione Italiana Sport Invernali è intervenuta Loretta Piroia la quale, fra pochi giorni, sarà nominata Segretario Generale della FISI (anche in questo caso sarà la prima volta per una donna). “Al pari della Federghiaccio – ha evidenziato la Piroia nel suo saluto – anche la FISI ha avuto a PyeongChang un grandissimo contributo dal settore femminile. Ci sono molte donne che operano nei settori giovanili mentre sono poche quelle nelle squadre nazionali. Mi auguro quindi una crescita in tal senso sia nei quadri tecnici che in quelli dirigenziali”.

Al termine dei saluti di benvenuto il convegno è quindi entrato nel vivo sviluppandosi su 3 sessioni “Lo Sport femminile” – “Differenze di Genere” – “L’Allenamento al Femminile” e 2 momenti di confronto fra relatori e partecipanti.

Se è certo che una buona genetica serve ed aiuta nella prestazione sportiva di alto livello non vi è alcun dubbio che la capacità di raggiungere prestazioni di élite, almeno in Italia, sembra essere una caratteristica decisamente più frequente tra le femmine, con buona pace di coloro che sono convinti della superiorità maschile e della minor propensione delle nostre ragazze all’impegno agonistico. Ed invece i fatti (e le classifiche delle competizioni più recenti) ci dicono che le cose non stanno così. E non si tratta solo di singoli casi, pure eclatanti, piuttosto di una diffusa differenza che riguarda singoli risultati di alto livello ma che ormai da anni viene riscontrata in vari sport tra cui anche quelli della montagna. Quindi un fatto assodato e non più un caso, seppure vantaggioso per il nostro movimento sportivo.

Questo convegno ha quindi voluto cercare di approfondire, con un confronto aperto e senza pregiudizi, le possibili ragioni di questa situazione, partendo dagli aspetti biologici e funzionali, piuttosto noti ma anche molto trascurati, che differenziano i generi femminile e maschile e che influenzano lo sviluppo della prestazione sportiva per giungere alla dimensione psicologica e mentale e analizzare tutto insieme nel contesto delle scelte per l’allenamento nelle varie fasi dello sviluppo dell’atleta.

A questo link è possibile scaricare il book con gli abstracts del convegno.

Photo Credit: PHOTO ELVIS

Share.

About Author

Leave A Reply