200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

MONZAMONTAGNA 2017: TRA LA STORIA E LA PASSIONE PER LA MONTAGNA

0

La montagna, con le sue storie di uomini e imprese, verrà raccontata e vissuta al festival MonzaMontagna, giunto alla sua tredicesima edizione.
Dal 22 ottobre al 2 dicembre, quaranta giorni ricchi di iniziative ed eventi: film, dibattiti, serate-incontro con alpinisti e atleti, concerti, mostre e iniziative solidali.
Da 12 anni il festival unisce sport, cultura, tradizione, tutto intorno al mondo della montagna. È soprattutto un evento con un forte dna alpinistico: è nato dalla collaborazione tra il Comune di Monza e le storiche società alpinistiche del territorio di Monza che vantano una grande tradizione e si impegnano con le loro forze per l’organizzazione e la riuscita dell’evento.

MonzaMontagna si apre il 22 ottobre con la gita al Rifugio Bogani, occasione questa per ricordare tutti i caduti in montagna; l’inaugurazione ufficiale però è fissata per il 28 ottobre con “Montagna in Piazza quando verrà presentato al pubblico l’intero ventaglio di proposte concernenti la manifestazione.

Mira-Rai_credit.MartinaValmassoi_dolomites copia 2

La trail-runner Mira-Rai

L’8 novembre si entra nel vivo del festival con la prima delle serate dedicate allo sport, in questo caso il trail-running: verrà proiettato il film “Mira” (presentato all’ultima edizione del Trento Film Festival), storia di Mira-Rai, la bambina-soldato nepalese diventata una campionessa di corsa in montagna. Interverrà alla serata Giulio Ornaghi, campione del team Salomon trail-running, e alcuni atleti della gara Monza-Resegone.

Il 10 novembre si sale virtualmente a bordo del mitico trenino rosso del Bernina: il giornalista e autore televisivo Stefano Giussani presenta un docufilm di Valerio Scheggia sullo storico convoglio dei ghiacciai, opera di ingegneria che ancora oggi desta stupore. In sala sarà presente il regista e durante la serata verranno estratti a sorte due biglietti gratuiti per il trenino offerti da Svizzera Turismo e dalle Ferrovie Retiche.

Appuntamento con la storia mercoledì 15 novembre, serata di inaugurazione della mostra “Armi e bagagli di un’Italia in trinceaa cura del gruppo Alpini di Monza: un percorso storico attraverso le nostre montagne in occasione del Centenario della Prima Guerra mondiale. La visita alla mostra sarà introdotta da immagini a tema e dai cori degli alpini, da sempre legati indissolubilmente alle vicende della Grande Guerra (Teatro Binario 7, ore 21, Vasca Espositiva; la mostra rimarrà aperta fino al 26 novembre dal martedì alla domenica, ore 9-12 e 15-18.30).

Immancabile come tutti gli anni la serata “Una montagna di solidarietà” a favore del comitato Maria Letizia Verga di Monza (Associazione privata impegnata nella lotta contro le leucemie infantili). Madrina dell’evento la campionessa di sci Deborah Compagnoni. La serata, in programma il 18 novembre, sarà allietata dai canti del gruppo vocale “Li Ósc’” della Valfurva.

Da Deborah Compagnoni a Kristian Ghedina, altro grande campione azzurro del mondo dello sci, presente a Monza il 22 novembre: il “Ghedo”, a tu per tu con il pubblico, racconterà la sua vita e le sue avventure a tutta velocità, regalandoci ancora una volta il brivido della sua mitica spaccata al traguardo della discesa di Kitzbühel.

Ghedina_spaccata Kitz

24 gennaio 2004: una pagina indimenticabile della storia della Streif

E sarà ancora il mondo dello sci a salire sul palco del festival il 25 novembre: protagonista questa volta la Valanga Azzurra. L’indimenticabile nazionale di sci di Thoeni e Gros è raccontata da chi la conosce molto bene: Mario Cotelli, ex direttore tecnico della mitica squadra, presenta il suo libro “L’epopea della Nazionale azzurra di sci 1969-78. La Valanga Azzurra”. Interviene alla serata Massimo Di Marco, giornalista e fondatore della rivista Sciare, che ha vissuto in prima persona gli anni d’oro del nostro sci.

Una giornata all’aperto, con escursione alla Capanna Monza, sul Resegone, è prevista per domenica 26 novembre: la gita è aperta a tutti e la partenza è prevista da Erve (Lecco) con ritrovo alle ore 9. Sarà presente la “Farmacia alpina” portata dal gruppo alpini di Monza, ovvero una sosta ad hoc per rifocillare gli escursionisti.

L’appuntamento con il mondo dell’alpinismo e le grandi vette, in calendario il 29 novembre, s’intitola “Fino alla fine dell’Everest, la salita al tetto del mondo raccontata da Davide Chiesa, alpinista invitato da Sport Specialist, sponsor tecnico di MonzaMontagna.

Il 1° dicembre ci sarà una presentazione di un interessante progetto a cura del CAI Monza, “Quota 162: la Casa della Montagna: si tratta di una futura struttura che riunisca sotto lo stesso tetto tutte le associazioni sportive monzesi che trattano di montagna. Uno spazio tutto da vivere, dove giovani e meno giovani si sentano a casa propria; dove sport, cultura e passione per la montagna trovino una giusta e adeguata collocazione.

Il festival si chiude come da tradizione con i cori di montagna (2 dicembre, Chiesa San Pio X, ore 21): partecipano i gruppi corali Fior di Montagna e Fiocco Rosso.

 Per consultare il programma completo della manifestazione visitare il sito: http://www.caimonza.it/

Share.

About Author

Leave A Reply