200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

LA PEZZA, IL BUCO E IL DOUBLE POLING

0

La pezza, il buco e il double poling

020fmo160131_5129Che la questione della tecnica classica rivoluzionata dal passo più antico che esista, cioè la scivolata spinta, fosse un nervo scoperto nella stanza dei bottoni della FIS, lo si sapeva da tempo. Tollerato e mal digerito il double poling nelle gare marathon che la federazione mondiale continua a considerare fenomeno marginale, oggi i manager FIS devono misurarsi con l’entrata a gamba tesa (!!) della spinta a braccia anche nelle gare di Coppa del Mondo, che equivale a dire una brutta parolaccia in chiesa. Passi che si spinga per 90 chilometri alla Vasaloppet, ma che nessuno si azzardi a farlo in Coppa, magari preludio di una prova olimpica.

E così, come la notte porta consiglio, anche l’estate con la sua calura ha condotto il grande organo sovrano dello sci mondiale a una decisione nel tentativo di arginare il fenomeno del double poling nelle proprie competizioni. “Bastoni più corti e nessuno spingerà più di braccia”, ha tuonato qualcuno.
La decisione è spiegata nei dettagli nell’articolo redatto da Marco Selle in cui esprime anche un giudizio alla luce di un test da campo.

Tuttavia, se in Coppa del Mondo la gestione dei controlli rientra nelle modalità tipiche di una competizione di alto livello con un centinaio di atleti iscritti, nelle granfondo a tecnica classica gli aspetti legati al controllo della lunghezza dei bastoncini è e sarà piuttosto complicata, vista la necessità di effettuare la misurazione dell’altezza a qualche migliaia di amatori.

Però dai, non facciamo sempre i bastian contrari, in fondo è legittimo che la FIS tenti di porre regole vincolanti nella strenua difesa di qualcosa che ormai non esiste più. E non per scelta ideologica, ma per l’evidenza dei fatti: si va più forte a spingere di braccia che non a menar le gambe.
Avremo fondisti proni e più ingobbiti? Chissà. Dispiace solo che a impedire lo sviluppo si pongano limiti normativi. Non vorrei che la pezza fosse peggio del buco.

 

Carlo Brena

Share.

About Author

Leave A Reply