200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

UNA STELLA DELL’ARCHITETTURA A CASTELROTTO

0

Castelrotto, nell’area dell’Alpe di Siusi, l’estate 2018 sarà l’occasione per l’apertura del nuovo progetto che l’archi-star Peter Pichler ha elaborato per la famiglia Schgaguler. L’impegnativa ristrutturazione dell’Hotel Dolomiti 2 segna un punto di svolta e trasforma il 4 stelle famigliare in elegante Boutique Hotel.

Creato da Gottfried Schgaguler con la moglie negli anni ’80, l’edificio dapprima adibito a residence, con servizio di ristorante in gestione esterna, era stato poi ristrutturato nel 2003 con l’aggiunta di una Spa all’avanguardia per l’epoca. Una delle più grandi dell’Alto Adige.
Nel 2006 il ristorante Rubin aveva infine completato l’offerta dell’hotel. Accanto a Gottfried e Lisi aveva iniziato a lavorare la giovane Sandra, sommeiller ed esperta di marketing digitale. Dietro all’immagine coordinata Martin, il figlio maggiore: Master di Design management alla Bocconi e diploma post università all’istituto di design Ecal di Losanna.

Con il progetto Dolomiti 2 (l’indirizzo dello Schgaguler a Castelrotto, ma anche la seconda fase della vita dell’azienda famigliare) affiancheranno i genitori e la sorella a pieno ritmo anche Peter e Tobias. Al termine del percorso formativo hanno preso parte attiva al progetto di rilancio. “Volevamo unificare la struttura ma anche rinnovare l’offerta” spiega Peter Schgaguler “Abbiamo interpellato molti architetti prima di scegliere Peter Pichler. Era importante per noi poter lavorare insieme allo studio inserendo le proposte di nostro fratello Martin per gli interni.

L’essenza del nostro lavoro è l’unicità” spiega Peter Pichler “Crediamo che esista un grande potenziale per un boutique hotel caratterizzato da un linguaggio architettonico coerente e contemporaneo, nel rispetto dell’autenticità e della tradizione. L’hotel accoglie e coccola il cliente, lo guida alla scoperta del bello, proprio come fa Gottfried Schgaguler quando accompagna i suoi ospiti nei luoghi più maestosi delle Dolomiti

Lo Studio Pichler ha dunque completamente ridisegnato l’edificio semplificando le linee secondo un’estetica minimal e allo stesso tempo innovativa. L’hotel stesso diventa destinazione con un vantaggio unico al mondo: la vista sullo Sciliar e la corona delle Dolomiti. Le camere dell’hotel ma anche gli spazi comuni, la Spa, il sorriso dei dipendenti, sapori e profumi della cucina diventano i veri protagonisti della vacanza, le chiavi di scelta per il turista.
Il nuovo volto dell’Hotel Dolomiti 2 Schgaguler vuole essere quello di un luogo capace di ispirare gli ospiti al punto da voler prolungare il soggiorno. Era questo il mandato del concorso di idee che si è aggiudicato lo studio milanese guidato dall’altoatesino Pichler e che rilegge la precedente struttura aggiungendo un intero piano vetrato in cui troveranno spazio 8 nuove suite. Nuove anche la reception, l’area lounge e il ristorante. Le camere diventano più spaziose e si caratterizzano per la presenza della vasca freestanding a centro stanza. Le grandi superfici in vetro rendono la struttura trasparente e leggera, aperta sul paesaggio, mentre l’inclinazione del tetto riprende le linee tipiche dell’architettura locale.

Share.

About Author

Leave A Reply