200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

VINCENTI E… BELLE

0
Virginia De Martin (foto Bogo)

Virginia De Martin (foto Bogo)

Eh sì, non ci sono più le atlete di una volta. Siamo ormai ben lontani dall’immagine di sportive dal fisico mascolino e dai lineamenti sgraziati: le donne dello sport, oggi, sono esempi di bellezza forgiata dalla fatica e fascino. Perfettamente consapevoli di quanto queste qualità siano un vantaggio, le atlete stanno cambiando i canoni del mondo dello sport e fanno capolino anche in altri ambiti, come ad esempio la moda.

Ricordate qualche stagione fa? Erano state mosse critiche pesanti alla sciatrice Lara Gut, contestandole il fatto di essere un po’ sopra le righe poiché truccata durante la competizione, a differenza della più semplice Shiffrin. Critiche inconsistenti, in primo luogo perché anche l’americana è stata beccata a ritoccarsi il trucco prima della conferenza stampa, e in seconda battuta perché la cura dell’immagine non toglie nulla alla professionalità dell’atleta.
Anzi, la sfida non è più solo in campo, bensì prosegue a colpi di mascara e copertine patinate.

Anche sugli sci stretti, oltre ad essere vincenti, le atlete sono anche belle: la norvegese Therese Johaug è apparsa in diversi servizi fotografici di moda, oltre ad essere chiaramente la donna immagine della linea di abbigliamento che porta il suo nome, men- tre la popolarissima biatleta Dorothea Wierer sottolinea il suo sguardo magnetico con un make up impeccabile.

Insomma, brave, belle e anche molto seguite: proprio perché la loro non è un’immagine perfetta, ma una bellezza semplice e naturale in cui ci si può più facilmente rispecchiare.

E nell’epoca dei social network, sfruttare la propria immagine non è altro che una risorsa in più. A maggior ragione considerando il fatto che nel caso delle atlete non si tratta di mera apparenza, ma è veicolo di valori positivi, quali la dedizione e l’impegno.

 

Virginia De Martin Topranin

Share.

About Author

Leave A Reply