200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347
200-125 300-115 200-105 200-310 640-911 300-075 300-320 300-360 642-998 QV_DEVELOPER_01 400-101 700-501 117-201 70-696 700-505 600-199 400-351 300-207 TE0-141 100-105 300-101 300-206 300-070 70-417 210-260 210-060 200-355 300-208 CISSP 300-135 210-065 300-209 70-243 70-480 CCA-500 2V0-621D 210-451 400-051 E05-001 1Z0-052 70-410 640-916 VMCE_V9 810-403 070-464 070-243 700-802 70-246 FCBA GPHR DEV-401 C2090-610 SY0-401 712-50 ADM-201 700-039 312-50 MA0-101 648-244 SK0-004 ASF 70-494 70-673 500-005 1Z0-060 C9560-503 640-875 N10-006 98-367 70-534 NS0-505 70-342 CHFP 070-410 640-878 1V0-603 1Z0-804 C8010-250 312-50V9 C2150-508 98-368 CLOUDF 70-411 70-461 220-901 70-488 070-341 PK0-003 E20-547 70-412 70-686 500-285 CISM 101-400 102-400 PDM_2002001060 JN0-100 642-883 CAP 070-347

WIERER L’IMBATTIBILE! ORO ANCHE NELLA 15 KM INDIVIDUALE

0

L’inno di Mameli risuona ancora, sempre più forte nella Valle di Anterselva grazie all’eroina di casa Dorothea Wierer. Doro compie infatti l’ennesima impresa e centra una doppietta storica ai Campionati Mondiali. Dopo l’inseguimento di domenica arriva il secondo titolo iridato per lei, che chiude la gara individuale davanti alla tedesca Vanessa Hinz e all’ormai abbonata al podio Marte Olsbu Roiseland.

di Nicolò Zeduri

Una gara impeccabile

È stata una gara lunghissima e soprattutto non adatta ai deboli di cuore che Dorothea vince su tutti i fronti. La vince dimostrando di essere di un altro livello rispetto alla concorrenza. Forte sugli sci, veloce e precisa quanto basta ai poligoni. Quella messa in campo oggi è una prova da vera leggenda di questo sport. Spalle al muro dopo le prime due sessioni di tiro, nelle quali commette un errore a terra e uno in piedi, riesce a trovare lo zero nelle successive due e a battagliare a distanza contro un’ottima e inaspettata Vanessa Hinz nel giro finale. Alla fine l’italiana la spunta per 2.2” e può alzare nuovamente le braccia cielo, anche oggi Azzurro.

Chi si accontenta (non) gode

Chi pensava di averla vinta ma deve “accontentarsi” di un altro podio è ancora Marte Olsbu Roiseland, che a parità di errore paga 15.8” sull’azzurra. Dopo il quarto posto nell’inseguimento, altra medaglia di legno per la svedese Hanna Oeberg (1+0+0+1) attardata all’arrivo di 38.7”. Va peggio alle altre pretendenti alla sfera di cristallo: Denise Hermann (1+1+0+2) fa sempre paura in pista, ma chiude solo 12°. Tandem norvegese al 15° e 16° posto per le troppo fallose Tiril Eckhoff (1+1+2+0) e Ingrid Tandrevold (0+1+0+2) che, partita con il pettorale 94, è stata l’unica in grado di impensierire Wierer fino all’ultimo poligono. Gara in rimonta per Federica Sanfilippo (2+2+0+0) che chiude 41° e anche per Michela Carrarra (2+2+1+0), 49°. Ancora male purtroppo l’altra stella di casa Lisa Vittozzi (1+3+3+1), oggi oltremodo fallosa al tiro sprofonda in classifica fino al 71° posto.

Wierer sempre più nella storia dello sport azzurro

Grazie all’oro odierno il computo dei suoi titoli iridati sale a tre, fatto che le spalanca le porte del gotha delle donne italiane più vincitrici di sempre nelle discipline olimpiche invernali ai campionati mondiali delle proprie discipline. Stacca Marinella Canclini (short-track), Isolde Kostner (sci alpino) e Marion Posch (snowboard) che si sono fermate a 2 ori mondiali, raggiunge Deborah Compagnoni (sci alpino) a quota 3 e vede nel mirino della sua carabina Stefania Belmondo (sci di fondo), a quota 4 titoli mondiali. Dorothea ha il colpo in canna e sicuramente ci proverà già nella mass start in programma domenica, gara dove deve difendere il titolo conquistato lo scorso anno. Non solo Anterselva, ma tutta Italia sta facendo il tifo per lei.

Forza Doro! Continua a farci sognare!

 

Photo Credit: Nordic Focus

Share.

About Author

Leave A Reply