I RISULTATI DELLA 43a TARTU MARATON

0
74
43a Tartu Maraton. (Photo: TarmoHaud)
43a Tartu Maraton. (Photo: TarmoHaud)

I VINCITORI DELLA 43a TARTU MARATON SONO STATI ELDAR RÖNNING E TATJANA MANNIMA

Il favorito e quattro volte Campione del Mondo Eldar Rönning si aggiudica la vittorie della 43a edizione della Tartu Maraton, granfondo estone che si è tenuta ieri, domenica 15 Febbraio 2105. Tra le donne, trionfa  Tatjana Mannima dopo una pausa di 10 anni.

“Una gara magnifica, ottima pista e organizzazione. Potrei quasi dire che è anche meglio della Vasaloppet” – afferma l’atleta norvegese, vincitore della Tartu Maraton – “Probabilmente, non ho mai gareggiato su una pista così perfetta di 63 km. Di certo, consiglierò a tutti di venire alla Tartu Maraton”.

 Rönning ha concluso i 63 km della Tartu Maraton in 2 ore 43’41”, uno dei migliori tempi registrati in questi ultimi anni. Il connazionale Audun Laugaland si classifica invece 2°, con un ritardo di quasi 10”; sul 3° gradino del podio sale infine un Estone, Martti Himma che chiude la prova in 2 ore 48’41”.

Per quasi l’intero svolgimento della competizione, in testa a guidare, si è posto il gruppo composto dai Norvegesi Eldar Rönning, Martin Hammer, Audun Laugaland, dagli Estoni Algo Kärp, Martti Himma e dal Bielorusso Aleksei Ivanov. Prima del ristoro di Palu, situato a 15km dall’arrivo, Rönning e Laugaland hanno completamente preso il comando e si sono sfidati fino all’ultimo chilometro quando, ad avere la meglio è stato proprio Rönning.

“Ho provato a stancare Eldar con una volata, ma non ho avuto fortuna. Nell’ultimo chilometro, mi ha superato!” – afferma Laugaland, che is è classificato .

Il destino del 3° gradino del podio è stato invece deciso da Himma, Kärp ed Hammer, ma solo poco prima della fine. Non c’è stato molto da fare per gli avversari, che hanno visto Himma prevaricare su di loro e batterli con un notevole margine. Dal 2006, l’atleta estone sale nuovamente sul podio della Tratu Maraton e commenta “Per me è stata un vittoria. Sono molto orgoglioso di questo 3° posto.”

A causa della scelta sbagliata degli sci, uno dei favoriti assoluti Algo Kärp è stato costretto ad ammettere la sconfitta: “Onestamente, sono molto deluso della mia performance di oggi. Il momento più decisivo di tutti è stato prima della partenza. Ho scelto gli sci da alternato e, a confronto di molti altri atleti, ho avuto troppo aderenza.”

Prima donna a tagliare il traguardo della 43a Tartu Maraton ‘in rosa’, è stata Tatjana Mannima, fortissima atleta estone che la scorsa settimana in Francia si è anche aggiudicata la vittoria de La Transjurassienne marathon.

“É stato fondamentale scegliere gli sci giusti, oggi. Sono molto riconoscente agli skimen che mi hanno aiutato a prendere la decisione migliore.” confessa la Mannima che, grazie alla vittoria di ieri, è ora divenuta anche leader della FIS Marathon Cup. “Vincere la FIS Marathon Cup è il mio obiettivo di quest’anno”.

Dietro la Mannima, al 2° posto, si è classificata l’italiana Antonella Confortola con quasi 10′ di ritardo; 3a posizione per Triin Ojaste, a 7 minuti.

6370 i fondisti che hanno preso parte all’edizione n°43 della Tartu Maraton e di questi 4994 hanno corso la gara di lunga distanza –63 km-, mentre 1374 hanno gareggiato su quella corta di 31 km.