IL 7 E 8 FEBBRAIO SI CORRE LA DOBBIACO-CORTINA 2015

0
72
Un bellissimo passaggio della Dobbiaco-Cortina.
Un bellissimo passaggio della Dobbiaco-Cortina.

IL 7-8 FEBBRAIO AL VIA LA DOBBIACO-CORTINA 2015 CHE VEDRÁ ITALIA E GERMANIA BATTAGLIARE PER IL PODIO. ALTO LIVELLO TECNICO PER LA GRANFONDO, CON L’ESCLUSIVA PARTECIPAZIONE DI GIORGIO DI CENTA E DI ALTRI ‘BIG’ DEL FONDO MONDIALE

I preparativi per l’edizione n°38 della Dobbiaco-Cortina, la suggestiva granfondo che dal 1977 unisce Ampezzo a Pusteria, sono ormai in dirittura d’arrivo così che, sabato 7 e domenica 8 febbraio, i quasi 1.300 concorrenti iscritti potranno felicemente scivolare sui loro sci stretti, godendosi uno spettacolo mozzafiato. A pochi giorni dall’evento che si svolge in uno degli scenari di maggiore suggestione delle Dolomiti patrimonio dell’umanità Unesco, continuano ad arrivare le iscrizioni alla gara, soprattutto quelle di molti ‘big’ dello sci di fondo mondiale, la cui presenza in gara fà della Dobbiaco-Cortina 2015, un’edizione ‘da grandi firme’.

Come da programma, sabato 7 febbraio prenderà il via la 30km in tecnica libera, con partenza alle 10.00 dal Fiames Sport Nordic Center di Cortina ed arrivo alla Nordic Arena di Dobbiaco. Saranno due gli uomini da temere e da battere, entrambi teutonici. Ai cancelletti di partenza infatti, troveremo un agguerritissimo Tim Tscharnke, atleta della Nazionale tedesca di sci di fondo e campione di Coppa del Mondo che ha saputo conquistarsi diverse medaglie olimpiche, fra cui un argento nella team sprint di Vancouver 2010. Tra i favoriti anche un altro tedesco, Thomas Bing che nell’edizione 2013 della Dobbiaco-Cortina Clasic si aggiudicò il 3° gradino del podio. Tra i tanti altri fondisti in gara, da non sottovalutare il russo Valentin Devjatiarov e il biathleta friulano Michael Galassi.

Per domenica 8 febbraio è invece prevista la prova in tecnica classica, sempre sul tracciato di 30km che porterà gli atleti dalla Nordic Arena di Dobbiaco al Fiames Sport Nordic Center di Cortina. Anche la prova di domenica, vedrà alcuni dei più grandi campioni del fondo internazionale sfidarsi a suon di spinte, confermando l’alto livello tecnico della granfondo Dobbiaco-Cortina. Il carabineiere gardenese Florian Kostner, che ha trionfato nella Comelgo Loppet della scorsa domenica, sarà in gara insieme ai colleghi Alan Martinelli e Fabio Clementi; a gareggiare per il podio, ancora il russo Valentin Devjatiarov.

Anche l’atleta azzurro Giorgio Di Centa si è iscritto alla prova, con l’intento di affinare la sua preparazione atletica in vista del gran finale della sua carriera agonisitica: la 50km  dei prossimi Mondiali di Falun. Il veterano della Nazionale Italiana di sci di fondo, capace di vincere ben due medaglie d’oro alle Olimpiadi di Torino 2006 rivela che “Questa Dobbiaco Cortina sarà una gara apertissima, tenuto conto anche del fatto che si svolgerà sui 30 e non sui 42 chilometri. C’è un’ottima start list e io cercherò di stare lì con i migliori e giocarmela nel finale”.

Ma bisognerà anche fare molta attenzione al trentino Bruno Debertolis, vincitore della Dobbiaco-Cortina nelle edizioni 2011, 2012, 2014 e di certo intenzionato ad aggiudicarsi anche quella del 2015. “La condizione è buona anche se finora, per motivi legati alla sfortuna, ho raccolto poco – afferma l’atleta del Primiero -. Domenica il livello sarà alto. Ci saranno tanti atleti dei corpi militari che renderanno dura la gara. E io cercherò di vendere cara la pelle”.

A rendere la Dobbiaco-Cortina ancora più interessante, anche il fatto che la prova in classico di domenica sarà valida per la classifica della Coppa Italia – Sportful. Tanti gli atleti dei corpi militari che si sfideranno, a cominciare dal bellunese Fulvio Scola che cercherà di riprendersi il pettorale di leader strappatogli lo scorso fine settimana dal vicentino Sergio Rigoni.

Ovviamente, a parte gli atleti professionisti o semi-professionisti che saranno in gara, ci saranno poi tantissimi amatori ed amanti della disciplina nordica che si metteranno alla prova con sé stessi e i propri limiti. Si attendono infatti circa 500 partecipanti per la gara in tecnica libera di sabato ed oltre 700 per la prova in classico di domenica.

Ma, come sostengono il presidente e vicepresidente del Comitato Organizzativo Marco Ghedina ed Herbert Santer, non si esclude che questi numeri continueranno a crescere, dal momento che le adesioni stanno continuando a pervenire e ci sarà la possibilità di iscriversi anche nelle giornate di sabato e domenica. Inoltre, sarà notevole la partecipazione straniera, con più di 20 nazioni rappresentate che testimoniano quanto la Dobbiaco Cortina e lo sci di fondo in generale, possano essere uno strumento di promozione turistica.

Il ringraziamento più sentito va a tutti i volontari che, nonostante l’inverno molto sfavorevole per gli sport invernali, si sono prodigati per l’allestimento di 30, dei 42km totali previsti, del tracciato di gara.

Per tutti i dettagli: www.dobbiacocortina.org.