DOBBIACO: LA VISITA DI FIS E FISI FA SCATTARE IL COUNTDOWN VERSO IL TOUR DE SKI 2021

0
61

Come da consuetudine, in questi giorni si stanno tenendo i sopralluoghi e i meeting estivi tra gli organizzatori dei singoli eventi di Coppa del Mondo e i dirigenti della Federazione Internazionale. Nei giorni scorsi la delegazione FIS ha fatto tappa a Dobbiaco.

La località altoatesina, infatti, si prepara per ricoprire un ruolo da protagonista anche nel Tour de Ski 2021 che farà tappa alla Nordica Arena il 5 e 6 gennaio, riproponendo il classico format con la gara in tecnica libera martedì 5 gennaio, una individuale sulla distanza di 10 e 15 km rispettivamente per femmine e maschi, replicando mercoledì 6, giorno dell’Epifania, con la pursuit in classico sulle medesime distanze.

Una finestra sul futuro

Proprio per aprire nuovi scenari sulla prossima stagione, Dobbiaco sui è popolata con i rappresentanti della Federazione Internazionale e della Federazione Italiana. Al sopralluogo erano presenti la coordinatrice della FIS per lo sci di fondo Sandra Spitz, i responsabili di FIS Marketing, di Swiss Timing, il coordinatore dello sci di fondo in rappresentanza della FISI Marco Selle, e una delegazione di In Front, che si occupa della produzione televisiva. A guidare la delegazione del comitato organizzatore era presente il presidente Gerti Taschler, affiancato dal vice e direttore di gara Eugenio Rizzo, dalla segretaria generale Sarah Dapoz e da Marina Rizzo, assistente del direttore gara. Una visita quanto mai importante, in quanto la situazione a seguito di Covid-19 lascia ancora qualche perplessità sulle attività agonistiche. Per questo, il comitato organizzatore e la FIS hanno affrontato punto per punto i vari aspetti, con un piano operativo che contempli eventuali limitazioni.

Tante novità sul tavolo

Il presidente Taschler, nello specifico, ha illustrato il progetto di rinnovamento della pista per le gare future, come le sprint e soprattutto la “special classic climb” che in avvenire dovrebbe portare gli atleti dalla Nordic Arena fino alla naturale arena di Prato Piazza lungo una inedita, dura e spettacolare salita, già collaudata dalla Pustertaler Ski Marathon nella versione 2020 e che il coordinatore della Coppa del Mondo del fondo ha voluto testare personalmente con gli sci lo scorso gennaio.

«Noi continuiamo nel nostro lavoro – ha detto Gerti Taschler – come se non ci fossero limitazioni. L’eventuale piano B sarà discusso nel dettaglio dopo settembre».

Intanto a Dobbiaco è aperta la pista di skiroll, teatro anche di uno stage della nazionale azzurra.