HOFER SFIORA L’IMPRESA, CHIUDE QUARTO.

0
82

Lukas Hofer lotta fino alla fine ma giunge 4°. Vince Fillon Maillet davanti a T. Boe e Latypov.

Medaglia di legno per uno straordinario Lukas Hofer nell’inseguimento maschile alle Olimpiadi di Pechino 2022. Una gara bellissima dell’azzurro, unico insieme al vincitore Quentin Fillon Maillet a trovare il percorso netto al poligono risalendo dalla 14esima posizione fino a lottare per uno storico bronzo olimpico nell’ultimo giro. All’uscita dell’ultimo poligono non riesce ad agganciarsi al più anziano dei fratelli Boe ed è costretto ad inseguire il russo Latypov, che di norma è un avversario tosto nelle ultime tornate. Lotta fino alla fine ma il distacco rimane invariato, onore ai medagliati ma sensazionale prova di Hofer.

Quarta medaglia in questi Giochi Olimpici per il francese Fillon Maillet, eguagliando Ole Einar Bjoerndalen per numero di medaglie vinte in una singola edizione di giochi olimpici, che vince col tempo di 39’07″5 senza errori, con 28″6 di vantaggio su Tarjei Boe (3 errori), 35″3 su Eduard Latypov (3 errori). Quello di Hofer è il miglior risultato di sempre per un biathleta azzurro in una gara a inseguimento olimpica, nonché il suo miglior risultato personale di sempre in un evento individuale in una rassegna a cinque cerchi.

– Rimane la buona performance fatta durante la gara, perché trovare lo zero oggi non era facile. Oggi ho trovato anche una bella condizione fisica, la stessa della gara di ieri. Nella Coppa del mondo il quarto posto vuol dire una bella gara, qua vuol dire la medaglia di legno. Da una parte una grande delusione di aver sfiorato la medaglia, che sto cercando ormai da un po’. Guardo avanti, prendo il meglio per ripartire verso le prossime gare. La pista cambiava poco oggi, visto che partivamo tutti insieme, rispetto a ieri che con un numero alto gli ultimi giri erano abbastanza lenti. neve dura, ma lo si sapeva. Son partito con un bellissimo ricordo di qualche anno fa a Oberhof dove, in condizioni simili, avevo beccato quattro zeri ed ero arrivato terzo. Nella sprint sapevo a cosa andavo incontro con quella neve, infatti ho fatto una grande prestazione visto che sono stato il primo con il pettorale dal 50 in su. Oggi ho fatto tutto il possibile, sciando con tanta grinta dal primo all’ultimo giro e purtroppo è mancato quel poco che mi ha negato il podio. Chi ha seguito la stagione sa che tra infortuni alla spalla, che sarà da risolvere a fine stagione, e problemi vari la salute era la cosa più importante. Ho saltato  Oberhof per riprendere condizione, ho riavuto dei problemi muscolari qui in Cina ma ora sono contento di ritrovare il Lukas che conosco. Ora bisogna crederci fino all’ultima gara. La mass start si aprirà un nuovo libro da scrivere, in cui ci crederemo fino alla fine e fino all’ultimo metro – le dichiarazioni di Hofer a fine gara.

In casa Italia spazio anche al 26esimo posto di Dominik Windisch, attardato da 7 errori ma capace di una buona performance sugli sci, 33esimo posto di Thomas Bormolini, a ridosso dei primi dieci sino all’ultimo tiro in piedi dove, a causa del forte vento, ha commesso quattro errori scivolando indietro in classifica.

Foto credit: FISI