LA PRIMA IMBIANCATA STAGIONALE FA CRESCERE LA VOGLIA DI TOUR DE SKI

0
117

Ora che neve e temperature pungenti hanno fatto capolino anche in Val di Fiemme, i tecnici della produzione neve di Lago di Tesero stanno preparando le piste in vista dell’appuntamento con la Coppa del Mondo di fondo con le ultime tre tappe del Tour de Ski.

Manca poco più di un mese alle date di venerdì 8 gennaio (mass start 10/15 km), sabato 9 (sprint in classico) e domenica 10 (Final Climb), tempo a sufficienza per predisporre il tutto in attesa dei campioni degli sci stretti (vedremo quali). Al momento, i metri cubi di neve prodotti si aggirano, approssimativamente, intorno ai 10.000 mc, consentendo di allestire la pista da 1500 metri e l’intero stadio del fondo. L’obiettivo è quello di innevare al più presto il tracciato di 2,5 km e poi il tratto della pista Marcialonga che porta ai piedi del Cermis.

Come è già noto da tempo, il Tour de Ski fiemmese sarà orfano dei suoi spettatori che abitualmente assiepano i bordi pista di Lago di Tesero e della Olimpia III dell’Alpe Cermis. Ma tutti i fan e gli appassionati degli sci potranno seguire la Coppa del Mondo in televisione attraverso le frequenze Rai e di Eurosport.

Tante edizioni ma ancora l’emozione della prima volta

Dopo 14 anni di Tour de Ski e quasi 200 gare di Coppa del Mondo, gli organizzatori fiemmesi sono tra i più rodati nel panorama delle manifestazioni dello sci di fondo, ma a sentire il loro entusiasmo anno dopo anno conservano sempre l’entusiasmo della prima volta. Per la prossima edizione, ad esempio, la sfida sarà quella di adeguare la complessa macchina alle nuove norme dettate dalla FIS e dalle autorità provinciali e nazionali. Il fatto che ad oltre un mese dall’appuntamento si sia riusciti a produrre neve in buona quantità è incoraggiante. Ogni nuova edizione del Tour de Ski, inoltre, funge da tappa di avvicinamento al 2026, quando lo sci nordico olimpico porterà i cinque cerchi ad abbracciare i due stadi fiemmesi di Lago di Tesero e di Predazzo.