SMUTNÁ E GJERDALEN VINCONO LA 42a MARCIALONGA

0
72
Partenza da Mazzin per la 42a Marcialonga.
Partenza da Mazzin per la 42a Marcialonga.

PERCORSO ACCORCIATO E NEVE VELOCE PER LA 42a MARCIALONGA – 5° APPUNTAMENTO SWIX SKI CLASSICS

Domenica soleggiata e clima mite per la 42a Marcialonga, che si è corsa oggi domenica 25 gennaio a partire dalle ore 9:00, sullo sfondo delle bellissime Dolomiti. L’emozionante granfondo che attraversa i paesi delle valli di Fiemme e Fassa, anche quest’anno ha registrato una copiosa partecipazione, con ben 7000 atleti giunti ai cancelletti di partenza. L’evento agonistico inoltre, è inserito nel prestigioso circuito internazionale Swix Ski Classics, di cui ha rappresentato il 5° appuntamento di stagione.

L'arrivo della categoria maschile, alla 42a Marcialonga.
L’arrivo della categoria maschile, alla 42a Marcialonga.

Percorso accorciato a 57 km e partenza da Mazzin per la gara odierna, caratterizzata da una neve piuttosto veloce e in parecchi punti ghiacciata. Fin dall’avvio, la 42a Marcialonga ha visto gli atleti del gruppo di testa battagliare per le prime posizioni e si è poi conclusa con la spettacolare salita finale di 2km, fino al traguardo di Cavalese.

Da Mazzin, la massa dei fondisti ha iniziato a salire verso Canazei, fino ad arrivare nel bel centro storico del borgo fassano. Al passaggio da Canazei, sono Dahl, Aukland, Gjerdalen, Pettersen, Eliassen, Ahrlin, Brink, Svärd e Impola a guidare il gruppo, con anche gli azzurri Di Centa, Debertolis e Rastelli a tenergli testa. La gara è poi scivolata veloce verso Moena ma, lungo la salita fra Vigo di Fassa e Soraga, il norvegese Nygaard prende in mano la situazione e conduce per un buon tratto la gara. Una volta entrati in Val di Fiemme, è ancora Nygaard ad essere in testa e, tra Predazzo e lo Stadio del Lago di Tesero intensifica talmente il ritmo, da ridurre a 30 atleti il gruppo di testa.

Il grande spettacolo arriva però verso la fine della Marcialonga quando, appena prima di attaccare la salita della Cascata, Øysten Peterssen del Team United Bakeries riesce a seminare gli altri concorrenti, dominando la competizione fino a soli 500m dall’arrivo. Proprio sul rettilineo che porta al traguardo tuttavia, gli atleti del Team Santander Tord Asle Gjerdalen e Anders Aukland riescono a recuperare Peterssen, regalando così un finale adrenalinico e spettacolare. Fra i 3 atleti, è però Gjerdalen a segnare il miglior tempo e infatti, con un risultato di 2 ore e 5 minuti, si aggiudica l’edizione numero 42 della bellissima Marcialonga. A pochi decimi di secondo dal primo, Anders Auckland e Øysten Peterssen si classificano rispettivamente 2° e 3°. Al 4° posto troviamo l’altro atleta del Team Santander, Petr Novak.

‘Davvero bello vincere qui in Italia e soprattutto vincere la gara più importante della stagione. Avevamo sci incredibili e l’intera squadra ha fatto un ottimo lavoro durante la gara’, con queste parole Tord Asle Gjerdalen commenta la sua vittoria, tra l’altro la prima del circuito. Purtroppo per lui però, mentre veniva incoronato dalla Soreghina Giulia Pastore e dal presidente di Marcialonga Angelo Corradini, dopo il suo arrivo a tutta velocità sul rettilineo finale di Cavalese, la corona d’allora ha rotto accidentalmente i suoi occhiali Ray Ban, ferendogli il naso. Gjerdalen taglia quindi il traguardo da vincitore, ma con il volto in parte insaguinato.

Anche in campo femminile, l’epilogo di questa 42a Marcialonga ha visto un finale molto combattuto. Katerina Smutna del Team Silvini Madshus, Laila Kveli del Team Santander e Seraina Boner del Team Coop hanno infatti attaccato la salita praticamente insieme, regalando a tutti gli spettatori un vero e proprio spettacolo. La dura lotta finale vede però Katerina Smutna trionfare sulle avversarie e tagliare per prima il traguardo di Cavalese in 2 ore e 20 minuti. La seguono Laila Kveli, che chiude in 2a posizione a circa 20 secondi dalla prima e Seraina Boner, che si aggiudica il 3° posto.

Katerina Smutna, la vincitrice della 42a Marcialonga.
Katerina Smutna, la vincitrice della 42a Marcialonga.

‘É stata una gara davvero difficile, specialmente nella salita finale. Ma ho avuto abbastanza forza oggi per vincere, alla fine’, queste le prime dichiarazioni della vincitrice Katerina Smutna.

L’appuntamento con lo Swix Ski Classics è per il prossimo fine settimana, quando andrà in scena la König Ludwig Lauf, granfondo tedesca.

www.swixskiclassics.com

CLASSIFICA MASCHILE MARCIALONGA 2015 – 5° EVENTO SWIX SKI CLASSICS

1 TORD ASLE GJERDALEN SANT 02:05:15.80
2 ANDERS AUKLAND SANT 02:05:18.40
3
  • YSTEIN PETTERSEN
UNBA 02:05:21.70
4 JENS ERIKSSON SANT 02:05:24.50
5 TORE BJØRSETH BERDAL UNBA 02:05:34.30
6 PETR NOVÁK N/A 02:05:39.40


CLASSIFICA FEMMINILE MARCIALONGA 2015 – 5° EVENTO SWIX SKI CLASSICS

1 KATEŘINA SMUTNÁ SILV 02:20:32.30
2 LAILA KVELI SANT 02:20:42.20
3 SERAINA BONER COOP 02:20:44.50
4 VIKTORIA MELINA RUSM 02:21:16.20
5 BRITTA JOHANSSON NORGREN SKIP 02:22:13.30
6 MASAKO ISHIDA UNBA 02:23:47.90