Presidenza FISI: Falez illustra il suo programma

0
118

Un progetto che vuole riformare la Federazione Italiana Sport Invernali grazie a una gestione maggiormente condivisa e trasparente, a una connessione più forte con le realtà istituzionali e turistiche della montagna e ad azioni mirate per aumentare il numero di tesserati, gli atleti di vertice nelle diverse discipline e la competenza dei tecnici federali.

È questo l’obiettivo dell’imprenditore romano Alessandro Falez, che ha presentato la sua candidatura alla presidenza FISI e relativo programma di gestione. Alle elezioni, in programma il prossimo 15 ottobre, Falez concorre insieme a Flavio Roda (presidente uscente), Giacomo Bisconti, Stefano Maldifassi e Angelo Dalpez.

Tre aree di lavoro

«Abbiamo definito tre aree principali di lavoro: Crescita, Gestione, Connessioni», ha illustrato Falez sul suo programma di lavoro. Queste tre macroaree sono poi «a loro volta declinate in tre punti di approfondimento».

La “Crescita”, secondo Falez, mira a rendere più solida la base, con più tesserati oggi e più campioni domani. Questo, a cascata, dovrebbe significare più risorse per i Club e meno costi per le famiglie e l’attività agonistica. Agonismo che passa anche da un percorso di formazione continua dei tecnici e da un’attività di scouting e scoperta dei nuovi talenti nei team del territorio.

Per quanto riguarda la “Gestione”, l’imprenditore romano la vuole «più trasparente, efficiente e di prospettiva», valorizzando le risorse interne e sviluppando le migliori competenze. Le “Connessioni”, infine, si prefiggono di costruire il futuro della FISI (bisogna «stimolare il rinnovamento delle squadre di vertice: il 75% dei podi di Coppa del Mondo nel 2021/22 – discipline olimpiche – sono stati conquistati da atleti 30enni o più anziani») e di sviluppare progetti e sinergie con le altre Federazioni internazionali.

Si tratta di «un programma articolato, ambizioso e ricco», ammette Falez. «Non è facile, ma i commenti che ho ricevuto mi confortano. Siamo sulla strada giusta e vediamo attorno a noi tanta voglia di cambiare».

Obiettivo Olimpiadi

Durante la serata di presentazione, Falez è stato accompagnato da Enzo Sima, consigliere federale uscente, che appoggia la candidatura dell’imprenditore romano. «Ho deciso di appoggiare Alessandro», ha spiegato, «dopo le esperienze federali degli ultimi anni. Confidiamo entrambi che una Federazione così importante debba essere gestita come una vera e propria azienda, in cui la condivisione e la delega a persone di specifica competenza sia strumentale al raggiungimento dei risultati. L’obiettivo è chiaro: arrivare ai Giochi Olimpici di Milano-Cortina 2026 con squadre ambiziose, ben preparate e vincenti e una Federazione solida»